'I cosacchi di Zaporozhye scrivono una lettera al sultano turco' di Ilja Repin

Ilja Repin | N. immagine 09677 | Lista dei desideri
(85)
Passo 1:

Scegli il materiale

Carta
mat_fotokarton.jpg
HP Everyday Semiglossy 235g,
Hahnemmühle Torchon 285g,
Hahnemühle William Turner 190g,
Photo Rag Perl Hahnemühle 320g,
Carta
Quadri su tela
Dibond
Vetro acrilico
Dipinti a olio
Carta
Quadri su tela
Dibond
Vetro acrilico
Dipinti a olio
Carta
Quadri su tela
Dibond
Vetro acrilico
Dipinti a olio
Carta
Quadri su tela
Dibond
Vetro acrilico
Dipinti a olio
Carta
Quadri su tela
Dibond
Vetro acrilico
Dipinti a olio
Quadri su tela
mat_canvas_cotton
Canvas UV matt 310g,
Canvas Rustic Texture 395g
Canvas Bright White 340g
Canvas Venezia Satin 350g
Dibond
mat_aludibond
PVC/Forex 5mm,
Alu-Dibond 3mm,
Alu-Dibond Butlerfinish,
Vetro acrilico
mat_acrylglass
Vetro acrilico 4mm
Vetro acrilico 6mm
Gallery Print
Dipinti a olio
mat_oelbild2
Dipinti a olio fatti a mano
Passo 2:

Scegli la dimensione

Altezza
Larghezza
Formato dell'immagine min. 30 cm - max. 100 cm
Opzionale:

Scegli cornice








































































































































€ 0
IVA inclusa spedizione esclusa
Opera: I cosacchi di Zaporozhye scrivono una lettera al sultano turco
Artista: Ilja Repin
Dimensioni:
Opzione di riproduzione: -
Cornice scelta: -
Prezzo unitario: -
Prezzo cornice: -
Prezzo totale: -
IVA inclusa spedizione esclusa
Ilja Repin - I cosacchi di Zaporozhye scrivono una lettera al sultano turco
    
   
    
PreviewPreviewPreviewPreview

Un manifesto storico: il capolavoro di Ilja Repin sui cosacchi zaporoghi

Il dipinto "I cosacchi di Zaporozhye scrivono una lettera al sultano turco" di Ilja Repin è un'opera eccezionale dell'arte realistica russa del XIX secolo. Il dipinto, noto anche con il titolo "La risposta dei cosacchi zaporoghi", fu realizzato tra il 1880 e il 1891 ed è un esempio impressionante della capacità magistrale di Repin di unire intensità storica ed emotiva in un'unica opera. Il dipinto raffigura una scena del 1676, quando i cosacchi dell'esercito zaporogo, sotto la guida dell'hetman Ivan Sirko, scrissero una lettera offensiva al sultano ottomano Mehmed IV. La lettera, considerata una risposta satirica e offensiva a una richiesta arrogante del sultano, è un culmine della tradizione orgogliosa e ribelle dei cosacchi zaporoghi contro l'autorità eccessiva. Repin cattura la scena in modo drammatico: al centro dell'immagine siede un vecchio cosacco che detta la lettera, mentre i giovani cosacchi la scrivono. L'atmosfera è vivace e piena di movimento, con i volti e i gesti degli uomini che riflettono una miscela di determinazione, orgoglio e scherno. Lo spazio stesso è cupo e desolato, il che accentua il contrasto con l'atteggiamento combattivo dei cosacchi. La maestria artistica di Repin si manifesta nella precisione dei dettagli, nella rappresentazione vivida delle espressioni facciali e nella composizione dinamica del dipinto. Ogni cosacco ha una personalità unica, mostrata attraverso la sua postura e mimica. Gli abiti e l'equipaggiamento dei cosacchi sono rappresentati con cura e autenticità, conferendo al dipinto un'autenticità storica. L'importanza del dipinto risiede non solo nella sua qualità artistica, ma anche nel suo messaggio politico e storico. Incorpora lo spirito di resistenza e indomabilità dei cosacchi zaporoghi contro la superiorità dell'Impero Ottomano. Allo stesso tempo, riflette anche l'epoca della Russia, in cui la resistenza contro le ingerenze straniere e l'oppressione svolgeva un ruolo significativo. Oggi il dipinto "I cosacchi di Zaporozhye scrivono una lettera al sultano turco" di Ilja Repin è considerato una delle opere più importanti della storia dell'arte russa. Non è solo una rappresentazione artistica di un episodio storico, ma anche un documento del tempo e un'espressione di identità nazionale e orgoglio culturale.
arrow